Per non dimenticare la strage del Connecticut

sandy_hook_shooting

Il più recente episodio di efferata violenza compiuto da una singola persona negli Stati Uniti è avvenuto nella mattinata dello scorso 14 Dicembre presso una scuola elementare di una ricca cittadina del Connecticut. La strage di bambini e insegnanti ha lasciato ancora una volta i media istituzionali e i politici di Washington senza parole, tutti come al solito incapaci di dare un senso ad un orrore che, per la sua serialità, non può che affondare le proprie radici nei mali che affliggono la società americana. E’ di dodici bambine e otto bambini, tutti di sei o sette anni, e sei donne, il drammatico bilancio della strage alla Sandy Hook Elementary School.

Come è ormai tristemente noto, Adam Lanza, 20 anni, ha sparato alla madre 52enne nell’abitazione di Newtown dove i due vivevano, prima di recarsi in automobile alla Sandy Hook Elementary della città nella contea di Fairfield, a poco più di 100 km a nord-est di New York. L’assassino ha fatto irruzione con la forza nell’edificio ed ha sparato all’impazzata. Secondo le ricostruzioni delle autorità di polizia, alcune vittime sarebbero state colpite fino a 11 volte. L’esito del massacro è stato così raccapricciante che molti genitori hanno riconosciuto i figli uccisi tramite fotografie.

Il bilancio complessivo è stato alla fine di 28 morti, inclusi l’autore della strage, che si è tolto la vita all’interno dell’edificio scolastico, e la madre. Delle altre 26 vittime, 20 erano bambini tra i 6 e i 7 anni e 6 dipendenti della scuola, tra cui la preside, 4 insegnanti ed una psicologa.

I racconti dei familiari e delle persone che conoscevano Adam Lanza hanno descritto un giovane intelligente ma estremamente schivo, con problemi mentali, ma che mai aveva mostrato alcuna propensione alla violenza. I genitori si erano separati da qualche anno e il padre e il fratello di quattro anni più grande si erano trasferiti nel non lontano New Jersey.

Nella loro abitazione di Newtown, Adam Lanza e la madre conservavano svariate armi, frutto della passione di quest’ultima che pare essere stata trasmessa al figlio minore. La legge del Connecticut consente la vendita di armi da fuoco solo a chi ha compiuto 21 anni ma Adam Lanza ha potuto comunque avere accesso senza difficoltà a pistole simili a quelli in dotazione delle forze armate americane in Iraq e in Afghanistan.

Per la seconda strage più grave per numero di vittime della storia americana, avvenuta a pochi giorni da un’altra sparatoria mortale in un centro commerciale dell’Oregon, gli investigatori del Connecticut hanno fatto sapere di non avere ancora trovato alcun indizio che possa rivelare le ragioni del comportamento di Adam Lanza. Si pensa che il killer fosse affetto dalla sindrome di Asperger, considerata una grave forma di autismo.

Ad un mese dalla vostra scomparsa, gli Stati Uniti e il mondo intero non vi hanno dimenticato.

“NON MUORE MAI CHI VIVE NEL CUORE DI CHI RESTA.”

Immagine

14/12/2012 Per non dimenticare.

Filomena Crocco

Questa voce è stata pubblicata in Criminal Minds, Italiano, Strage nel Connecticut e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Per non dimenticare la strage del Connecticut

  1. ipage sitelock ha detto:

    Having read this I thought it was really informative. I appreciate you finding the time and energy to put this information together. I once again find myself personally spending way too much time both reading and commenting. But so what, it was still worthwhile!

  2. I’m amazed, I have to admit. Seldom do I come across a blog that’s equally educative and interesting, and let me tell you, you have hit the nail on the head. The problem is something not enough folks are speaking intelligently about. I am very happy that I found this during my hunt for something regarding this.

  3. Cedar finance ha detto:

    An impressive share! I’ve just forwarded this onto a coworker who had been conducting a little homework on this. And he actually ordered me dinner because I discovered it for him… lol. So let me reword this…. Thanks for the meal!! But yeah, thanx for spending some time to discuss this matter here on your site.

  4. sportingbet ha detto:

    Hello there! I could have sworn I’ve been to this site before but after looking at a few of the articles I realized it’s new to me. Nonetheless, I’m definitely pleased I found it and I’ll be bookmarking it and checking back often!

  5. what is RSS Feed ha detto:

    I seriously love your website.. Very nice colors & theme. Did you develop this web site yourself? Please reply back as I’m attempting to create my very own website and would like to learn where you got this from or just what the theme is called. Many thanks!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...