Piazza Tienanmen, 1989

Primavera 1989, Pechino. Uno dei più feroci crimini di Stato. Mezzo milione di studenti, intellettuali e operai marcia fino alla piazza principale della capitale per chiedere maggiori libertà politiche, libertà di esprimersi, libertà di pianificare la propria vita scolastica e lavorativa, la vita della propria famiglia, il numero dei propri figli. Non sono armati, tra le mani stringono fiori.

Rivoltoso sconosciuto, foto divenuta simbolo della lotta contro la tirannia

Rivoltoso Sconosciuto, foto divenuta simbolo della lotta contro la tirannia

Ma il regime dittatoriale cinese non manda giù l’affronto e nella notte tra il 3 e il 4 giugno ordina ai convogli militari di entrare a Pechino facendosi strada tra le barricate dei manifestanti, i quali reagiscono lanciando sassi e bombe molotov contro i soldati. L’esercito riceve l’ordine di sgomberare la piazza entro l’alba e verso le 4:30 del mattino inizia a sparare contro i civili, schiacciando con i cingoli dei carri armati centinaia di ragazzi e ragazze. Alle 5:40 la piazza è già stata sgomberata. Il numero dei civili uccisi non è mai stato stabilito. Secondo il governo cinese i morti – soldati inclusi – sarebbero 241 e i feriti 7 mila. La NATO parla invece di 7 mila morti e 30 mila feriti.

257276
Piazza Tienanmen, la Porta della Pace Celeste, questo il significato di Tienanmen in cinese, è stata macchiata dal sangue dei figli della Cina; la piazza dello sterminio l’indomani era ricoperta da migliaia di cadaveri deformati dai cingoli dei T-72. La Cina ha soffocato nel sangue la richiesta di libertà dei propri giovani. Oggi di quell’episodio in Cina non si può parlare, non si può scrivere, non lo si può ricordare. Questo articolo non verrà mai letto oltre la grande muraglia.

I crimini di Stato hanno forse il movente peggiore: uccidere gli uomini  che, mossi da ideali, si battono per quella parola che in alcune parti del mondo e nella stessa Cina è ancora proibita: LIBERTÀ!

Filomena Crocco

Questa voce è stata pubblicata in Crimini di Stato, Piazza Tienanmen 1989, repressione cinese, Rivoltoso Sconosciuto e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Piazza Tienanmen, 1989

  1. What’s up to every one, the contents present at this website are genuinely awesome for people knowledge, well, keep up the good work fellows.

  2. Snap fitness 05401 ha detto:

    Hi there it’s me, I am also visiting this web site daily, this website is genuinely fastidious and the visitors are really sharing pleasant thoughts.

  3. http://Asinema.net ha detto:

    I personally want to save this particular blog, “Piazza Tienanmen,
    1989 | Criminal Minds” on my own website. Do you
    care in the event that I reallydo it? Thx -Marta

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...